Notizie

I duri e i molli

Leggiamo con stupore le dichiarazioni di Majorino, Assessore alle Politiche sociali e Cultura della salute del Comune di Milano. Stupiscono i contenuti e soprattutto il lessico.

A proposito degli sgomberi dei Rom l’assessore rivendica un operato muscolare e usa categorie come “mollezza” e “durezza”. Parole che credevamo appartenere a un’altra stagione e a un’altra classe politica. Ci siamo sbagliati. Ci si vanta della forza e si condanna la mollezza.

La vera forza per noi nasce dal confronto con la diversità, accetta le critiche, ricerca soluzioni condivise, pratica accoglienza e inclusione, così come è scritto nelle linee guida dal Comune stesso emanate. Se essere forti vuol dire sgomberare sempre gli stessi tremila cittadini rom senza trovare soluzioni a lungo termine, allora rivendichiamo la nostra mollezza e rinnoviamo al Comune le nostre, molli, raccomandazioni:

  • destinare fondi ad azioni concrete volte a favorire processi di convivenza civile;
  • coinvolgere attivamente i rom nelle fasi di progettazione, realizzazione e gestione di qualsiasi progetto;
  • sospendere nell’immediato ogni sgombero forzato;
  • riconoscere il diritto all’iscrizione anagrafica alle persone che abitano negli insediamenti informali e nei centri di prima e seconda accoglienza del Comune di Milano;
  • garantire l’effettivo godimento del diritto alla salute per tutte le persone accolte nei Centri di Emergenza Sociale ;
  • attuare nel medio-lungo periodo progetti di edilizia abitativa di tipo diversificato;
  • tutelare i minori (frequenza scolastica);
  • avviare progetti di inclusione lavorativa e abitativa negli insediamenti informali, fino all’accesso a soluzioni abitative adeguate.

I molli del Naga

E’ possibile leggere le dichiarazioni di Majorino sugli sgomberi dei Rom in questo articolo dell’agenzia Ansa

Sostieni il Naga, adesso.

Il tuo sostegno, la nostra indipendenza.