Notizie

Vi dovete rassegnare

Governare il fenomeno!
Garantire la sicurezza dei cittadini!
Spariamo sui barconi!
Blocchiamo le navi straniere!
Fermiamo l’invasione!

Le declinazioni sono diverse, più o meno ipocrite, ma il concetto è uno e solo: i migranti in Europa non ci devono venire.
O se proprio devono venire che siano pochi, controllati, quelli che vogliamo noi e quando lo decidiamo noi.
Siamo noi i detentori del controllo. Di tutto. Anche dei desideri di chi parte. Gli unici desideri che contano sono i nostri (anche confusi).
Questi che partono non possono certo permettersi di avere desideri e aspettative. Sappiamo noi quali sono i desideri e le paure legittime. Le nostre.
Noi sappiamo qual’è il bene dell’Europa: chiudersi, impoverirsi e invecchiare. E i migranti non devono sconvolgere i nostri piani.

Da vent’anni la politica non ha la capacità, le parole e la fantasia per cogliere la grandezza e l’opportunità del fenomeno migratorio. Da un lato cerca e riesce solo a criminalizzare i cittadini stranieri e adesso anche chi opera a loro favore e, dall’altro lato, propone solo bieche chiusure ottenendo l’unico gravissimo effetto di rendere più difficili e pericolosi gli arrivi.

Vi dovete rassegnare: le migrazioni non si fermeranno.

Forse è proprio vero: i migranti sono eroi perché fanno a meno delle certezze ingannevoli legate all’appartenenza ad un posto fisico. A volte fanno paura, perché agli occhi di coloro che si trovano “a casa” sono la prova che il loro senso di appartenenza ad un luogo o di possesso può essere illusorio (Marc Augé).

In caso vogliate delle vere soluzioni ecco qui qualche esempio.

Sostieni il Naga, adesso.

Il tuo sostegno, la nostra indipendenza.