Notizie

Non ci stupiamo

Da anni, da sempre, le curve urlano buu, i capi ultras, dirigenti e gli ex ministri rilasciano dichiarazioni vergognose e razziste. Ogni tanto un giocatore reagisce. Non ci stupiamo.

Ci stupiamo invece di tutti gli altri. Dei compagni di squadra di Balotelli, di Lukaku, di Muntari, di Doumbia, di Babacar, di Keita, di Asamoah che invece di interrompere, loro, la partita continuano a giocare in un clima irrespirabile; ci stupiamo che i presidenti più o meno illuminati delle squadre non si schierino apertamente contro il razzismo; ci stupiamo che la federazione nazionale non prenda provvedimenti definitivi; ci stupiamo che i ministri attuali non intervengano con decisione e risolutezza.

Ci stupiamo perché non ci vogliamo abituare.

E la nostra solidarietà e i nostri pensieri vanno a tutti i fenomeni che incontriamo ogni giorno: i cittadini di seconda generazione, senza cittadinanza, ma che insieme ai nostri figli, sono già i cittadini del futuro.

Sostieni il Naga, adesso.

Il tuo sostegno, la nostra indipendenza.