Notizie

Sciopero braccianti

Ieri, con la pubblicazione del Decreto Rilancio, si è dato corpo a un provvedimento di regolarizzazione escludente e settoriale, che risponde alle necessità della nostra filiera agricola e ai nostri bisogni di cura domiciliare.
Un intervento che apre una finestra temporale molto limitata e tratta le persone solamente come forza lavoro, subordinando il pieno accesso al diritto alla salute e quindi il diritto ad un medico di base, al possesso di un lavoro.


Nemmeno durante una pandemia si riesce così a riconoscere il pieno accesso ai diritti fondamentali alle cittadine e ai cittadini stranieri che vivono e lavorano nel nostro Paese. Si chiarisce una volta ancora che devonoessere e rimanere braccia da sfruttare, mentre raccolgono i pomodori che mangeremo o abbracciano un nostro caro.
Per questi motivi il Naga sostiene lo sciopero indetto per oggi dai lavoratori agricoli, invisibili ed essenziali nelle campagne italiane e nelle metropoli.

Sostieni il Naga, adesso.

Il tuo sostegno, la nostra indipendenza.