Notizie

La testimonianza di un volontario.

Al Naga arrivano giovanotti con in tasca un foglietto stropicciato col nostro indirizzo che hanno ricevuto da un amico in Germania poco prima di essere caricati a forza su un volo per l’Italia; ragazzi che entrano con piglio aggressivo e urlando e quando li guardi negli occhi e dici “Ok adesso però ti calmi”, scoppiano a piangere, si buttano in ginocchio e ti pregano di aiutarli; signore di una certa età che durante il colloquio abbassano gli occhi e ti chiedono sottovoce “Ma quanto costa fare questo ricorso?”, e quando rispondi “Niente signora, è gratis” quasi non ti credono.

Potrei a scrivere per ore di questi e altri episodi (tutti veri), ma una sola cosa importa: chiunque siano le persone che incontriamo, sono persone, nient’altro che questo. Sono loro la nostra prima fonte di energia.

Di energia, serve anche la tua: qui trovate tutte le forme in cui potete sostenere il Naga: https://naga.it/dona/

@Foto Sede Naga – Foto Massimo Di Nonno

Sostieni il Naga, adesso.

Il tuo sostegno, la nostra indipendenza.