Notizie 11 Dicembre 2013

Container 158

Mercoledi 11 dicembre 2013 alle ore 20.00, presso il Centro Culturale san Fedele di Milano, Associazione 21 Luglio e ZaLabpromuovono l’evento “Container 158″.

Dopo il successo dell’anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma il 12 novembre 2013, il film-documentario “Container 158“, prodotto da ZaLab, sarà proiettato in prima italiana a Milano, alla presenza dei registi Stefano Liberti e Enrico Parenti.

“Container 158″racconta la vita quotidiana al “villaggio attrezzato” di via di Salone, a Roma,un “campo” in cui l’amministrazione capitolina ha raggruppato più di 1000cittadini di etnia rom, fuori dal Grande Raccordo Anulare, lontano da tutto eda tutti.

Dopo la proiezione, l’Associazione 21 luglio presenterà il rapporto “Figli deicampi”, un libro bianco sulla condizione dell’infanzia rom in emergenza abitativa in Italia. Con il rapporto “Figli dei campi”, l’Associazione 21 luglio ha voluto analizzare le condizioni di vita dei minori rom e delle loro famiglie che vivono negli insediamenti formali ed informali e nei centri di accoglienza in Italia.

La serata terminerà con una Tavola rotonda all’interno della quale, prendendo spunto dagli stimoli emersi dalla visione del documentario e dai risultati illustrati nel rapporto, si rifletterà sulle attuali politiche rivolte alle comunità rom e sinte in Italia e a Milano e sulle possibili soluzioni per un reale percorso inclusivo delle stesse. Alla Tavola rotonda sono stati invitati rappresentanti del Comune di Milano e delle principali organizzazioni nazionali e internazionali che si occupano della tutela dei diritti delle comunità rome sinte in Europa e in Italia. Tra queste l’Ufficio Nazionale AntiDiscriminazione (UNAR), Amnesty International, European Roma Rights Centre,Federazione Rom e Sinti insieme. La tavola rotonda sarà moderata dal giornalista Gad Lerner.

Per il Naga parteciperà Luca Cusani, presidente dell’Associazione.

Proiezioni e tavola rotonda con Gad Lerner. Partecipa Luca Cusani, presidente Naga.

Sostieni il Naga, adesso.

Il tuo sostegno, la nostra indipendenza.