Notizie 17 Aprile 2014

I dannati della Metropoli

Andrea Staid, I dannati della Metropoli, ed. Milieu

Troppo a lungo il tema di “migranti e legalità” è rimasto appannaggio di forze politiche che vogliono dimostrare l’ineluttabilità della repressione. E al contrario è stato spesso trascurato da chi si occupa di diritti dei migranti, come se fosse una vergogna da non riconoscere, addirittura in alcuni casi distinguendo tra “buoni” e “cattivi” (vd. il Patto di Legalità imposto ai rom).

Andrea Staid va oltre questa situazione e decide di affrontare questo argomento usando l’antropologia e nel suo libro I dannati della metropoli, edizioni Milieu, ha svolto una ricerca sul campo durata un anno: è andato a raccogliere le storie di uomini e donne che hanno scelto di rifiutare la schiavitù di uno sfruttamento feroce e i diritti negati in cambio di una manciata di soldi, e hanno scelto come forma di ribellione a questa impostazione attività micro-criminali. Sono, come dice il titolo, “dannati”, uomini e donne che agitano una città di economia informale, illegale o semi-legale, e che offrono servizi a quella città legale che ne stigmatizza la pericolosità e il degrado.

Al di fuori di ogni mitizzazione, con la serietà dell’antropologo e la passione del militante, Andrea Staid raccoglie i racconti dei viaggi, le vite nei CIE e nei carceri, per chiudere il libro con le testimonianze dal condominio milanese di via Bligny.

MEGLIO LIBRI organizza per questa sera la presentazione del volume insieme all’autore e a ospiti che, nella vita professionale, sono a diretto contatto con i “dannati”: Enrico Belloli, avvocato penalista e socio NAGA, e Alessandra Naldi, sociologa esperta in migrazioni, Garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Milano.

Presentazione del libro in Scighera, partecipa Enrico Belloli del Naga

Sostieni il Naga, adesso.

Il tuo sostegno, la nostra indipendenza.